USA: Pena di morte; Si procede ad eseguire le sentenze, sta per scadere il farmaco per le iniezioni letali

Stà per scadere il farmaco che serve per le iniezioni letali, e si decide di ammazzare .

Per uno dei due detenuti è stato presentato ricorso d’urgenza per sospendere la pena in considerazione del fatto che la sua obesità lo avrebbe fatto soffrire. Un giudice pareva aver accolto l’istanza, ma la condanna è stata eseguita due ore dopo. Il governatore dello stato ha programmato una raffica di esecuzioni prima che vada in scadenza il farmaco letale nelle scorte

da: http://www.repubblica.it/esteri/

L’Arkansas ha ucciso tramite iniezione letale due condannati a morte, entrambi in carcere da oltre vent’anni per stupro e omicidio. Un giudice federale aveva fermato la seconda esecuzione capitale; aveva accolto infatti il ricorso presentato in extremis dall’avvocato del detenuto, secondo il quale il primo prigioniero aveva sofferto in seguito all’iniezione letale e le sofferenze, a suo avviso, sarebbero state provate anche dal suo assistito, a causa della sua obesità. L’istanza ha portato alla sospensione temporanea, ma dopo due ore la pena capitale è stata eseguita anche per Marcel Williams, 46 anni, condannato per aver rapito, stuprato e ucciso nel 1997 una giovane di 22 anni, Stacy Errickson.

L’altro prigioniero, Jack Jones, 52 anni, è stato invece dichiarato morto nelle prigione di Cummins, a circa 120 chilometri dalla capitale Little Rock. Era stato condannato per aver stuprato e ucciso nel 1995 Mary Philipps, 34 anni, e per aver tentato di uccidere sua figlia di 11 anni. E a quest’ultima ha chiesto perdono oggi prima di essere sottoposto all’iniezione. Sul suo capo c’erano anche condanne per uno stupro e un omicidio in Florida.

Jones, come pure Williams, aveva confessato il suo delitto. Entrambi avevano però presentato ricorso contro la pena capitale sostenendo che i loro problemi fisici potevano provocare dolori orribili durante l’esecuzione. Una motivazione che non è servita a fermare la procedura contro Jones né contro Williams, malgrado l’ultimo tentativo del suo avvocato.

Quella di oggi è la prima doppia esecuzione dal 2000. Il governatore dell’Arkansas, Asa Hutchinson, ne ha messo in programma quattro nell’arco di undici giorni, prima che a fine aprile scadano le scorte del sedativo Midazolam, uno dei veleni usati nell’iniezione letale, considerata anche la battaglia legale intrapresa dalle case farmaceutiche contro l’uso dei propri prodotti per la pena di morte.

14,295 Visite totali, 2 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.