Mette lo sperma dell’amico in viso per curare la pelle, ecco il video tutorial

Che siate un uomo o una donna, la cura e la salute della pelle sono molto importanti. Ci sono centinaia di trattamenti, dalle maschere allo yogurt, a quelle al fango… e la lista è praticamente infinita. Ma la 28enne inglese Tracy Kiss, di Wendover, ha probabilmente il suggerimento più stravagante: lo sperma.

 

Esatto, questa madre single e beauty blogger applica sperma umano sulla sua pelle ogni giorno. Il solo pensiero fa venire una smorfia di disgusto sul viso di tanta gente, ma Tracy giura che il suo segreto di bellezza è davvero efficace; grazie allo sperma, infatti, è riuscita a curare la couperose (o rosacea) contro la quale ha combattuto per una vita intera. Si tratta di una dermatosi che infiamma la pelle, soprattutto del viso.

Al posto di usare gli antibiotici, un medicinale molto comune per il trattamento di questa malattia della pelle, Tracy ha deciso di fare una prova con qualcosa di molto più naturale. Le era capitato di leggere qualcosa sullo sperma durante le sue ricerche e ha così deciso di fare un tentativo. La sua pelle ha subito avuto dei miglioramenti evidenti.

La pelle ha iniziato ad essere più liscia e anche le zone più infiammate avevano un aspetto più sano. Molto soddisfatta dei risultati, Tracy ha continuato il trattamento, ogni giorno.

Tutte le mattine, Tracy si spalma del seme fresco sul viso, lo lascia agire 20 minuti e poi lo sciacqua.

Si rende conto che potrebbe sembrare strano, ma non può negare i risultati positivi di questo esperimento. Usa sempre dello sperma “fresco” che viene da un amico in salute e insiste sul fatto che non prende parte al processo di raccolta. Pensa, comunque, che una volta che troverà un fidanzato, sarà tutto più semplice.

36,652 Visite totali, 8 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.