Italiani, “imbecilli” senza fine che………….

Non c’è dubbio alcuno, chi ci governa pensa  agli Italiani come un popolo di imbecilli.

Non se ne può più di sentir parlare di cosa è bene per gli Italiani da persone che non hanno la ben che minima idea di cosa voglia dire lavorare e spaccarsi la schiena per portare un pezzo di pane a casa .  La maggior parte di  loro, nella loro misera esistenza da parassita, non ha mai svolto un lavoro, attaccati come zecche a questo o a quello per garantirsi profitti facili. Parlo della nostra classe politica, classe di privilegiati senza pudore.

Mi sento offeso dalla continua disinformazione che lor Signori compiono, al fine di distogliere l’attenzione  da quello che effettivamente è il cancro di questo paese, cioè “loro” .

Viviamo in un paese dove ogni giorno, è sempre di più, camminando per strada vediamo  persone, anziani e giovani, che vivono da poveracci, rovistando nella spazzatura per trovare qualcosa da mangiare.

Un paese dove i  giovani  si suicidano per la mancanza di lavoro, lasciando lettere all’indirizzo dei vari Ministri  come per ringraziarli delle offese ricevute. Un paese dove prolifera l’immigrazione, e  si mascherano gli interessi economici dietro la parola “accoglienza”

Un paese dove alcuni ministri del governo si prendono il lusso di offendere i nostri figli, chiamandoli stronzi, ecc..ecc..

Un paese dove parlare delle necessità del popolo non si può perchè bollati subito come populisti.

Un paese dove non si fanno più figli, perchè per crescerli occorre avere un lavoro, “in un paese dove la ricchezza è in mano a pochi a discapito dei tanti”.

“Corrotti ,  bravi ad intrattenere argomentazioni nei salotti delle TV, ma che non possono scendere in strada senza scorta”.

Ed allora mi chiedo , i popoli si sono svegliati in Romania, in Ucraina ( dove hanno gettato i politici nei bidoni della spazzatura), in tutti i paesi dell’est Europa, e del mondo ,mi chiedo allora,  possibile che noi,  Italiani senza più dignità,  ci stiamo facendo trattare da imbecilli e non facciamo nulla per riprenderci quello che ci appartiene? La nostra libertà .

La conquista della libertà e dei diritti nella storia di tutti i paesi”civili”, è passata sempre dalla sommossa contro i regnanti, colpevoli di crudeltà nei confronti del popolo stesso .

“Crudeltà”, questa è l’unica parola,  degna a definire questi personaggi che stanno finendo di distruggere il nostro paese.

 

40,227 Visite totali, 1 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.