IL Melograno: Il più potente farmaco naturale contro il cancro, e contro l’invecchiamento cutaneo e…

Il melograno è l’anticancro naturale per eccellenza, conosciuto fin dall’antichità….

Vi sono frutti di cui non possiamo e non dobbiamo fare a meno, soprattutto quando l’organismo deve affrontare i momenti più stressanti per il nostro sistema immunitario.  Sempre più studi e ricerche hanno constatato i poteri terapeutici e preventivi del melograno e del suo frutto, poteri …

Vi sono frutti di cui non possiamo e non dobbiamo fare a meno, soprattutto quando l’organismo deve affrontare i momenti più stressanti per il nostro sistema immunitario.  Sempre più studi e ricerche hanno constatato i poteri terapeutici e preventivi del melograno e del suo frutto, poteri che gli antichi conoscevano perfettamente, tanto è vero che lo ritenevano l’albero della fecondità, della prosperità, della rigenerazione, della rinascita.

Poche piante possono vantare un numero di miti e leggende simile a quello che si può associare al melograno. Attraversa praticamente tutte le culture del Mondo antico, comparendo in riti, racconti, simboli, sogni e tradizioni spesso legati alla sensualità. Ancora oggi, nell’est europeo lo sposo trasferisce un melograno dal giardino del suocero nel suo, come augurio di prole numerosa mentre la sposa, al termine della cerimonia, scaglia a terra un frutto maturo e il numero di grani fuoriusciti indica quanti saranno i figli.

La Punica granatum ( il melograno), della famiglia delle Mirtacee è un bellissimo alberello, che talvolta raggiunge anche i 5 metri di altezza e coltivato in tutta la regione mediterranea, dove cresce anche allo stato selvatico. Perde le foglie d’inverno e d’estate regala una ricca fioritura vermiglia. Il frutto è grande con corteccia coriacea, contiene numerosi semi duri, rivestiti di una polpa rossa, acidula e separati da lamine membranose e amare.

Il melograno, originario della Persia e dell’Afganistan, resiste ai rigidi inverni e alle secche estati, la sua adattabilità fa sì che si possa coltivare anche in balcone, soprattutto perchè oggi ne esistono piante nane, ottime per questo utilizzo. I fiori, la corteccia dei frutti, la scorza dei rami giovani, e soprattutto la scorza di radice, oltre al tannino contengono potenti sostanze vermifughe.

Pur se da molto tempo questa pianta è stata sottovalutata, oggi sappiamo che è ricchissimo di polifenoli protettivi per le arterie ed inoltre è rinfrescante, diuretica, tonica e antispasmodica. Molti studi hanno messo in luce, della melagrana, le proprietà protettive di stomaco, intestino e digestione. Notevole è l’azione sui meccanismi di regolazione delle difese immunitarie della cute, per cui il succo di melagrana, applicato localmente ed assunto per via orale, tiene lontano le infezioni, gli ascessi e rivitalizza tutta la pelle, dunque attua una funzione antiage.

Secondo altre ricerche l’assunzione per almeno un mese di mezzo bicchiere di succo al giorno, regala lucidità mentale e una maggiore capacità di concentrazione. Ottimo diuretico è l’infuso dei fiori, mentre l’infuso delle foglie è piuttosto antispasmodico e tonico, adatto in gargarismi a rafforzare le gengive arrossate e delicate. Anche la radicedi melagrana è un ottimo medicamento: si estrae dal terreno in autunno e viene conservata o nella sabbia allo stato semifresco, o seccata all’aria e all’ombra e quindiconservata lontano dall’umidità. La melagrana, che è anche molto poco calorica, trova la giusta collocazione nelle diete, ma soprattutto ha effetti  sulla prevenzione dei tumori, arteriosclerosi, infiammazione delle mucose, artriti e artrosi.

In commercio si trovano sia il succo concentrato che l’olio e le compresse, ma non fatevi mancare una bella e sana spremuta di melagrana a colazione: potrete sfruttare a pieno le caratteristica di questa pianta che già alla fine dell’estate ci regala i suoi frutti.

17,117 Visite totali, 8 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.