Grazie Renzi: mentre distoglievano l’attenzione con il caso Riina, il governo ci ha infilato una bella supposta.

Cartelle non pagate? Con la nuova “Equitalia” arriva il prelievo diretto (e più veloce) dai conti correnti.

Grazie Renzi: mentre distoglievano l’attenzione con il caso Riina, il governo ci ha infilato una bella supposta.

Pignorare i conti correnti sarà più facile e veloce. E a farlo sarà la nuova “Equitalia”, come riformata dal governo di Matteo Renzi a ottobre 2016. Non pagare le multe diventerà quindi più rischioso. Come hanno riportato il Fatto Quotidiano e la Stampa, dal primo luglio entrerà in vigore l’accorpamento di Equitalia all’Agenzia delle Entrate. Naturalmente, le funzioni della prima, di riscossione, passeranno alla seconda, andando a costituire un nuovo ente pubblico, “Agenzia delle Entrate-riscossione”.

Come ha riportato il Fatto:

Il decreto di ottobre amplia i poteri a disposizione della riscossione. A chi non paga la cartella esattoriale, infatti, la nuova Equitalia potrà pignorare il conto senza passare dal giudice ma – ed è la vera novità – potrà farlo molto più velocemente di prima.

Prima della riforma renziana, infatti, Equitalia per battere cassa doveva prima fare diversi passaggi presso l’Agenzia delle Entrate che dispone dell’anagrafe tributaria dei cittadini italiani. I tempi erano lunghi. Ora, invece, con la nuova “Equitalia”, l’Agenzia delle Entrate-riscossione potrà richiedere agli istituti di credito le somme dovute dal contribuente che si trovi in debito con il Fisco.

Scrive la Stampa:

Certo, il procedimento di «incasso» non è automatico. Il contribuente prima di tutto riceverà avvisi e solleciti di pagamento. Dopodiché avrà 60 giorni di tempo per mettersi in regola. Come? Pagando tutto subito, chiedendo di rateizzare l’importo oppure opponendo ricorso. In mancanza di almeno uno di questi passaggi e trascorsi i 60 giorni, la nuova Equitalia passerà al recupero coattivo che può consistere anche nel pignoramento del conto corrente.

Nel pomeriggio è arrivata la risposta di Equitalia:

“Non è vero che a partire dal primo luglio prossimo l’Agenzia delle entrate Riscossione potrà pignorare i conti correnti dei contribuenti debitori senza l’obbligo di richiedere l’intervento dell’autorità giudiziaria. Le norme che regolano la procedura di pignoramento diretto sono in vigore dal 2005”. E’ questa la posizione di Equitalia che in una nota sottolinea come “le norme sulle procedure per i pignoramenti esistono da 12 anni”, facendo chiarezza su quanto apparso su alcuni organi di stampa.

“In merito alle notizie apparse su diversi organi di stampa e di comunicazione, relativamente agli atti di pignoramento presso terzi che l’Agente della riscossione effettua per legge, Equitalia Spa precisa quanto segue.

L’azione di pignoramento presso terzi è disciplinata da una norma del 2005 (dl 203/2005 che ha introdotto l’art. 72 bis del DPR 602/1973) la quale prevede l’azione diretta da parte di Equitalia sui crediti del debitore detenuti da terzi (ivi comprese le eventuali somme sul conto corrente). La norma, inoltre, prevede l’intervento dell’Autorità giudiziaria in via eventuale laddove il terzo pignorato o il contribuente stesso abbiano elementi validi per contestare l’azione dell’Agente della riscossione”.

“In particolare, – prosegue la nota – Equitalia procede alle azioni esecutive solo dopo che il contribuente non ha dato seguito agli atti che gli sono stati notificati (cartella di pagamento, solleciti di pagamento, avvisi di intimazione), né provvedendo al loro pagamento, neanche in forma rateale, né contestandone il contenuto”. “L’interazione delle banche dati introdotta dal dl 193/2016 – spiega la nota – va nella direzione di poter migliorare l’attività di riscossione che non si muoverà più ‘a fari spenti’ relativamente alle azioni esecutive ma soprattutto di limitare al minimo, grazie ad informazioni più puntuali, l’impatto sul debitore e sulle sue attività professionali”.

Giudicate voi.

fonte:http://www.huffingtonpost.it

13,277 Visite totali, 11 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.