Famiglia vive in un vaporetto con figlio disabile.L’appello del padre ” Vi prego aiutateci”

E’ una famiglia Italiana, non sono profughi, vivono in un vaporetto con un figlio disabile, la crisi li ha costretti a vivere cosi, chiedono aiuto, ma chi li ascolta?

 

La classica storia Italiana, ormai queste storie sembrano essere all’ordine del giorno, una famiglia Italiana costretta a vivere in un battello in disuso, e per giunta con un figlio disabile al 100%.

In un paese investito dall’onda anomala degli sbarchi di profughi, sistemati a loro volta in strutture alberghiere il più delle volte se non di lusso quasi. In un paese dove all’immigrato come prima cosa vengono forniti cibo, sigarette, servizio internet gratuito, ed anche ai noi,  uno stipendio minimo, cosi da garantire la loro dignità, vivono persone , Italiani , sotto la soglia di povertà, il più delle volte senza casa, e con figli disabili.

Non c’e’ vergogna, da parte dei Politici che ci amministrano, ne tanto meno dal popolo che assiste inerme a questa catastrofe sociale. La storia di questa famiglia di Venezia non è la prima e non sarà neanche l’ultima, ci viene da chiedere, il nostro che paese è? Non dovrebbe garantire il bene ai suoi concittadini prima che agli immigrati? La solidarietà non dovrebbe essere a senso unico, anzi se proprio non possiamo esimerci dal farlo, dovremmo farlo garantendo pari diritti ad Italiani e non.

timenews24h.it

46,566 Visite totali, 6 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.