Conosci i parassiti che abitano il tuo corpo? ecco quali sono e come eliminarli

Come scegliere un antiparassitario e allo stesso tempo rimuovere il dolore e le malattie? Per fare ciò è necessario introdurre nell’igiene quotidiana personale un integratore alimentare antiparassitario come il Parasic, che è molto efficace nel rimuovere i parassiti umani.

 

Il Parasic rappresenta uno dei componenti del Programma Clean Inside per la pulizia interna. Contiene una speciale miscela di 18 piante medicinali che sono state usate da migliaia di anni con successo per debellare e rimuovere i parassiti dannosi, le loro uova e attaccare le larve in varie parti del corpo. Swiss Probiotix ha ingredienti speciali adattati ai bisogni dei bambini ed è efficace nell’aiutare a rimuovere i parassiti dal corpo dei bambini.

In molti non realizzano che il corpo umano rappresenta terreno fertile per vari parassiti che possono variare da virus microscopici, batteri, funghi e protozoi, fino a vermi lunghi diversi metri (per es. la tenia). Nell’ambito di questo articolo, con “parassiti dell’uomo” intendiamo i vari tipi di vermi che si insediano nel corpo umano.

Sulla base degli ultimi studi epidemiologici possiamo ritenere che i vermi umani colpiscono l’80% della popolazione adulta. Questa scoperta è stata una sorpresa persino per i ricercatori stessi. Non esistono differenze tra uomini e donne né diversità dovute a limitazioni industriali/economiche o geografiche. Ci sono due gruppi principali di vermi che possono causare varie malattie nell’uomo. In base alla loro forma essi sono suddivisi in:

  • Nematodi (verme rotondo): in cui la sezione trasversale del corpo è rotonda, per es. l’ossiuro (Enterobius vermicularis) o il gigante verme intestinale rotondo (Ascaris lumbricoides). Questi causano una malattia dal nome nematodosi.
  • Cestodi (tenia): che hanno una sezione piatta del corpo, per es. la tenia Taenia saginata, che può essere lunga diversi metri, o il minuto cestode, spesso ricorrente nei bambini (Hymenolepis nana). Questi portano ad una malattia chiamata teniasis.

Questi parassiti infestano milioni di persone. Ciò significa che anche voi potreste esserne vittime, senza realizzare o sospettare la loro presenza nel vostro corpo.
Certamente non stiamo parlando solo di parassiti intestinali. Essi possono essere presenti e vivere anche in qualsiasi altra parte del corpo: nei polmoni, fegato, stomaco, nel duodeno, esofago, cervello, sangue, pelle e anche negli occhi! Inoltre possono essere anche presenti contemporaneamente diverse specie di parassiti.

Infatti spesso i parassiti migrano all’interno del corpo e sono capaci di stabilirsi nelle articolazioni e nei muscoli. Questo viene percepito come dolore, spesso erroneamente considerato un segno per es. di infiammazione articolare (artrite).

Cosa sono i parassiti?

I parassiti sono caratterizzati dalla loro abilità nel vivere nel corpo di un altro organismo. Ognuno di noi può essere l’ospite in cui abitano e che sfruttano. Per essere capaci di vivere e moltiplicarsi essi si cibano di sostanze nutrienti ed energia.

Nell’anno 2000 nella rivista Discover venne pubblicato un articolo molto interessante su questo argomento, che afferma: “Ogni organismo vivente ha in esso almeno un parassita, ma in realtà le persone ne hanno molti di più… Gli scienziati stanno adesso cominciando a capire di cosa siano capaci questi parassiti così diffusi.

Le ricerche mostrano un importante dato:
I parassiti potrebbero governare il mondo.
E’ abbastanza sconcertante scoprire che essi sono così potenti.”
Qual è la causa di tutto questo? E’ molto semplice. Dobbiamo capire che siamo fatti di circa 70 miliardi di cellule, tra le quali esiste una continua collaborazione. E’ fondamentale per la salute che le cellule lavorino come un team ben unito e che questo processo sia regolato da vari impulsi chimici. “Se un dato organismo- per es. un parassita- è capace di controllare l’impulso, è capace di controllare anche noi. E questo, precisamente, è la grande minaccia che i parassiti rappresentano.”

“In realtà i parassiti uccidono più persone di tutte le guerre nella nostra storia”-questo è un appello lanciato dal National Geographic in uno dei documentari vincitore di premi dal titolo”I cacciatori del corpo”.

La World Health Organization (WHO) classifica i parassiti come una delle sei cause più pericolose di malattie. Essi sono responsabili di molte malattie gastrointestinali e di altro tipo. I parassiti superano anche il cancro, che è considerato globalmente la malattia mortale più grave.

Se siete dubbiosi del fatto che i parassiti vivano in migliaia di persone, dovete assolutamente leggere le molte testimonianze reali. Realizzerete subito che è un problema molto più serio di quello che si immagini.

Parassiti intestinali

Il maggior numero di vermi si trovano in un colon intasato. In effetti nelle scorie possono essere presenti parassiti di varie misure. Se il colon non è pulito dagli scarti in cui vivono, le tossine che gradualmente si formano inquinano il corpo. Scarti parassitici creano anche tossine che irritano il sistema nervoso centrale e causano nervosimo e irritabilità. Inoltre, dato che i vermi assorbono molte delle sostanze nutrienti presenti nel sistema digerente, ricavano ciò che di meglio il cibo offre, mentre il vostro corpo riceve solo gli avanzi.

Anche il peso in eccesso può essere causato da parassiti intestinali che sottraggono i nutrienti vitali lasciando a disposizione solo le calorie. Di conseguenza il corpo richiede sempre più calorie nello sforzo di sostituire e integrare la mancanza di nutrienti e vitamine. Alcuni vermi si trovano principalmente nella parte superiore dell’intestino tenue e causano lì un’infiammazione. Come risultato dell’ infiammazione si formano gas e gonfiore. Questo viene soprattutto associato ad un maggior consumo di alcune verdure.

Per prevenire dall’infezione l’intero corpo è necessario rimuovere gli accumuli e i parassiti dal colon. Altrimenti, invece di assorbire i nutrienti, verranno assorbite solo tossine provenienti dagli accumuli del colon e dalla massa fecale tossica. Se questo succede nel corpo niente funziona come dovrebbe. Ciò spiega come mai quasi il 90% delle malattie hanno la loro origine nel colon. La causa sono le tossine e la deficienza di nutrienti già a livello cellulare.

I vermi sono furbi

Essi ci minacciano grazie alla loro unica abilità di adattare il loro ciclo vitale in modo tale da assicurare la sopravvivenza della loro specie all’interno di un corpo insospettabile: il vostro corpo. Si nascondono. Camuffano il loro lavoro imitando sintomi di comuni malattie. E’ incredibile quanto i vermi, persino i più larghi, entrino nel corpo inosservati e ci vivano dentro.Sono astuti a modo loro, e anche sensibili.

Ecco perchè se un tradizionale trattamento di comuni malattie non porta nessun miglioramento, lo specialista suggerisce di cominciare e trattare i parassiti.
Ma noi siamo davvero così impotenti contro questi esseri? Se non prestate sufficiente attenzione al vostro corpo e considerate una mancanza di energia come uno stato normale, o una malattia come un karma, essi certamente rimarranno nascosti.

Se invece siete capaci di ascoltare e capire certi segnali che il corpo vi manda, dovrebbe essere facile investigare la presenza dei parassiti. Nel suo libro ” Indovina chi viene a cena”, l’autore Ann Louise Gittleman, uno specialista della nutrizione, parla dei sintomi principali.

Cestodi (tenie) – i parassiti intestinali più antichi

Essi sono fra i più antichi parassiti intestinali del tipo umano. Varie specie si sono totalmente adattate a vivere all’interno dell’intestino dell’uomo tanto da non provocare alcun sintomo. Il loro corpo è piatto e composto da segmenti. L’infezione viene trasmessa dai cestodi (tenie) che lasciano segmenti di corpo nelle feci. Questi pezzi (visibili nelle feci ad occhio nudo) contengono uova che si schiudono quando i segmenti si disintegrano.

  • La Tenia saginata cestode può raggiungere dai 3 ai 10 metri di lunghezza. Penetra nel corpo mangiando manzo che non è stato cotto sufficientemente. Occasionalmente, causa difficoltà gastrointestinali moderate. Similmente a tutti i cestodi (tenie), non ha bocca, quindi assorbe i nutrienti attraverso la superficie del suo corpo che si è adattato proprio per questo scopo. Danneggia l’essere umano irritando la mucosa con le sue corolle di suzione, uncini ed espellendo metaboliti.
  • Hymenolepis nana raggiunge solo i 7-80 mm di lunghezza. Le fonti di infezione sono le uova nelle feci. Ratti e topi sono il serbatoio di conservazione dell’infezione. Lo stadio infettivo di questo tenia è l’uovo stesso (cisticerco). Il cisticerco si insidia nelle pareti intestinali dove si trasforma in una tenia adulta. I bambini, specialmente delle classi sociali inferiori, si infettano come risultato di insufficiente igiene.

Alcuni dei sintomi principali sono perdita di appetito, perdita di peso o stabilità di esso, mal di stomaco ma anche attacchi di fame.

Nematodi (vermi rotondi) – parassiti intestinali diffusi

Questi vermi, al contrario dei cestodi (tenie), hanno un corpo rotondo-non segmentato. Sono separati per genere e si insediano nell’uomo allo stadio di larva e adulto. Le femmine depositano le uova o portano con sè le larve. I nematodi (vermi rotondi) rappresentano una seria minaccia, questi son diffusi principalmente nelle regioni tropicali e subtripicali. Ma alcune specie sono globalmente diffuse e comuni anche qui. Si riscontrano soprattutto nei bambini, per es. l’Ossiuro (Enterobius vermicularis) o l’Ascaris lumbricoides.
L’Ossiuro (Enterobius vermicularis) è un piccolo verme bianco lungo circa 1 cm. Vive spesso nell’intestino tenue o nell’appendice degli uomini, soprattutto bambini. I vermi femmina migrano nel colon e depositano le uova vicino all’ano. Questo succede spesso di notte e quando è caldo. La larva proviene dalle uova.

  • La sede dell’infezione è rappresentata dal corpo umano che è anche l’unico ospite di questo parassita. Viene trasmesso comunemente in situazioni di gruppo di persone/bambini (scuola, parco giochi, famiglia). Se non c’è igiene sufficiente dopo aver avuto contatto con l’area anale, le uova finiscono nelle dita , sotto le unghie e possono ritornare ancora nella bocca. Inoltre, le uova possono essere trasmesse attraverso la biancheria del letto o dal pavimento, e da lì possoo contaminare gli oggetti circostanti o il cibo. Le uova si trovano anche in ciuffi di capelli dai quali possono penetrare nel corpo di un altro membro della famiglia (respirandoli o ingoiandoli). Quindi, se un membro della famiglia è infetto, è necessario trattare tutta la famiglia. Il sintomo più frequente è il prurito nella zona rettale, soprattutto la notte.
  • Quando aderiscono alle pareti dell’intestino tenue, si possono formare delle piccole ulcere che spesso diventano una seconda infezione batteriale.
  • Nelle donne i nematodi femmine possono transitare nella vagina causando dolore. Se il l’Ossiuro (Enterobius vermicularis) non viene rimosso dal corpo può persino entrare nell’utero. La presenza nell’utero si manifesta come infiammazione della mucosa uterina o delle tube di falloppio.
  • Ulteriori sintomi: perdita di appetito, perdita di peso, mal di stomaco, nausea, vomito o perdite di notte (soprattutto nelle donne). I bambini sono agitati, soffrono di insonnia, e si possono verificare anche casi di neurosi infantile.

Come scoprire se l’organismo è affetto da vermi

Il metodo più comune per scoprire i vermi è analizzare le feci. Questo metodo, però, non è affidabile al 100%. Infatti i vermi nelle feci sono visibili solo quando sono presenti le loro uova, che si possono vedere al microscopio quando le feci vengono analizzate. I vermi adulti sono fermamente allacciati alla mucosa nelle varie parti del tratto digestivo, e pertanto la loro presenza nel corpo può essere verificata solo nel momento preciso in cui depositano le uova. Altrimenti non è possibile verificare la loro presenza. Per questo motivo i professionisti della salute consigliano di prelevare le feci gradualmente in tre intervalli diversi di tempo. I parassiti intestinali adulti possono essere osservati dai fisici direttamente con una colonoscopia.

A volte una persona infetta non mostra alcun sintomo. Ma ci sono diversi segnali che, se osservati, possono aiutare a rilevare se il vostro corpo è diventato dimora di vermi. Per esempio tipici segnali sono gas frequenti e crampi allo stomaco. Questi sono causati da alcuni parassiti che si trovano soprattutto nella parte superiore dell’intestino tenue dove provocano un’infiammazione. Questo porta a gas e gonfiore. Qui di seguito elencherò i sintomi secondo Ann Louise Gittleman. Essi sono davvero molto vari e possono aiutare nel riconoscere la situazione specifica. Questi sintomi sono, per esempio:

  • Allergie a diversi tipi di alimenti.
  • Anemia (basso numero di globuli rossi).
  • Gonfiore, pesantezza addominale.
  • Sangue nelle feci.
  • Diarrea frequente, o al contrario, stitichezza.
  • Sintomi influenzali come tosse, sibilo e febbre.
  • Feci dall’odore putrido con graduale peggioramento nel pomeriggio e alla sera.
  • Gas e crampi.
  • Prurito intorno all’ano, soprattutto la notte.
  • Nausea.
  • Vomito.
  • Perdita di peso associata ad appetito vorace.
  • Dolore articolare e muscolare.
  • Irregolarità del sonno.
  • Stanchezza cronica.
  • Sindrome dell’intestino irritabile (IBS).
  • Squilibrio del sistema immunitario.

Altri sintomi di infezioni parassitiche potrebbero essere i seguenti: sapore amaro in bocca, polso accelerato, dolore nell’area anale, vista annebbiata, prurito al naso o orecchio, salivazione durante il sonno, e malattie come l’ asma, diabete, epilessia, vari tipi di eczema, emicrania, malattie del cuore e cancro.

Come ottenere un effetto antiparassitario?

Per rimuovere i parassiti nell’uomo prima di tutto è necessario ripulire tutto il sistema digerente. Un colon pulito e idratato con muscoli tonici è un posto inospitale per i parassiti intestinali; questa condizione li scoraggia ad insediarsi. La risposta alla domanda “Come ottenere un effetto antiparassitario?” potrebbe essere proprio questa. I parassiti sono eliminati meglio se usiamo un approccio a diversi livelli:

  1. Passaggio: Pulizia delle erbe: E’ necessaria perchè molte delle sorgenti di acqua sono situate vicino alle abitazioni, è quindi probabile che siano contaminate da parassiti.
  2. Passaggio: Aumentare l’uso di fibra. Essa permette un miglioramento del transito dei resti del cibo indigesto, e ciò ne previene l’accumulo. Un sovraccarico di questi resti rappresenta una condizione favorevole all’infestazione parassitaria.
  3. Passaggio: Ripristinare la carenza di vitamine. Assumendo una quantità sufficiente di vitamine, minerali e nutrienti il vostro corpo è capace di combattere la carenza che si è creata come risultato dell’infestazione di parassiti.
  4. Passaggio: Riconoscere le fonti di infezione e prevenire la reinfestazione
  • Se siete soggetti alle infestazioni, eliminate il contatto con fonti comuni di infezione per esempio: feci di roditori e gatti, inappropriati contatti con cani.
  • State attenti nel bere acqua o nuotare in acque con le quali non siete familiari.
  • Indossate abiti che proteggano se siete esposti a insetti che succhiano il sangue.
  • Lavate tutta la frutta e verdura con acqua pulita prima di mangiarla per prevenire le infezioni.
  • Non usare acqua da serbatoi infetti o altre fonti potenzialmente contaminate per irrigazione o innaffiamento di verdura.

I bambini sono particolarmente sensibili ai parassiti ed è abbastanza comune che siano soggetti a vermi in grande quantità.
Come utilizzare l’antiparassitario? Insegnate ai bambini un’ igiene appropriata come lavarsi le mani (incluso uno spazzolino per le unghie) dopo essere stati in bagno, dopo aver giocato fuori o prima di mangiare.

da: http://www.disintossicazione-puliziaintestinale.com/parassiti-e-vermi/

36,612 Visite totali, 1 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.