Conoscete la leggenda del ponte di siano? detto:il ponte maledetto

“Il mistero del ponte maledetto”


La mattina del 5 gennaio 1939, nei pressi di Siano, una donna anziana accompagnò  la nipote diciassettenne Maria Talarico a far visita alla madre, che prestava servizio di bidella presso la scuola agraria di Catanzaro.

Nella parte centrale del ponte che stavano attraversando, Maria si fermò e come in trans , si appoggiò al parapetto per guardare giù, in fondo,  e fu quindi colta da un improvviso malore. A stento la nonna, con l’aiuto di una passante, riuscì a trasportarla a casa e sistemarla a letto.

Maria cominciò a parlare  e ad  invocare la madre con uno strano tono  di voce maschile ,e quando quest’ultima si avvicinò , la figlia non la riconobbe, anzi fece presente che la sua mamma si chiamava Caterina Veraldi. Quindi cominciò ad imprecare chiedendo di vedere la vera madre. Maria Talarico aveva assunto un’altra personalità, quella del diciannovenneGiuseppe Veraldi che il 13 febbraio 1936, proprio sotto il ponte di Siano, fu ritrovato cadavere.
Maria (o dovremmo dire Giuseppe) scrisse un biglietto (che si trova allegato agli atti dei carabinieri) da consegnare alla madre.  Incredibilmente, pure la calligrafia risultò essere quella di Giuseppe Veraldi.
A questo punto la ragazza scelse tra i numerosi presenti quattro giovani e con costoro si recò in una vicina osteria. Lì giunta, pur essendo noto a tutti che Maria non beveva e non giocava a carte, tracannò del vino, fumò delle sigarette e con i quattro giovani – che chiamò Totò, Damiano, Rosario e Abele – cominciò a giocare a briscola.
Durante la partita Maria (Giuseppe), impose ai compagni di ricordare la sera del delitto e li sfidò a ubriacarlo, esattamente come avevano fatto tre anni prima; poi si alzò in cerca di aiuto, asserendo che volevano trascinarlo sotto il ponte.
Portata a casa, Maria (Giuseppe) trascorse la notte in bianco lamentandosi e implorando la madre. Alle sette del mattino si alzò dal letto e  gioiosa annunciò ai presenti che la mamma stava per sopraggiungere. Dopo poco, infatti, ecco arrivare Caterina Veraldiche, dalla voce, riconobbe il figlio, il quale la informò di essere stato ubriacato e ucciso da Totò, Abele, Damiano e Rosario. Quindi, dopo essere stato duramente percosso e dopo aver sopportato la frattura della mandibola con una pietra, fu trascinato sotto il ponte. Maria (Giuseppe), a dimostrazione di ciò, condusse la Veraldi sul greto del torrente nel punto preciso del rinvenimento del cadavere; qui si tolse cappotto e giacchetta e li dispose nella identica maniera in cui erano stati trovati quelli del morto. Ricostruita così la verità, la ragazza ritornò in sé e riacquistò la sua voce, ma si rivelò ignara di quanto le era accaduto.
Maria Talarico aveva rappresentato fedelmente, e inspiegabilmente, la violenza subita dal diciannovenne Giuseppe Veraldi, e la sua successiva uccisione.
Il processo fu riaperto, ma i presunti colpevoli, per mancanza di prove non furono condannati.

Resta il mistero di questo impressionante scambio di personalità, tra due giovani che non si erano mai conosciuti. Una storia che nessuno ha potuto sinora spiegare razionalmente.

45,415 Visite totali, 8 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.