Chi svolge queste professioni è più portato al tradimento?guarda il video…

Chi svolge queste professioni è più portato al tradimento

Banchieri e broker sono in cima alla lista di chi si concede più facilmente una scappatella, seguiti da piloti, medici e infermieri

Il tradimento? Una questione professionale. Secondo uno studio condotto dal sito di incontri per persone sposate o già impegnate Victoria Milan, il tipo di impiego che si svolge rivela anche se si è traditori o meno.
Dai risultati emerge che trovare l’amante sul posto di lavoro è il modo più comodo e più comune e che circa il 65% delle donne tradisce il proprio marito/fidanzato con un collega.  Di loro, il dieci per cento si è detto preoccupato di ciò che poteva accadere alla propria carriera, se le voci si fossero diffuse in ufficio.
I più propensi all’infedeltà sarebbero soprattutto le persone che hanno 29, 39, 49 o 59 anni, ossia quelle che si avvicinano a un nuovo decennio.

Ecco i lavori che più invogliano alla scappatella:

1. Finanza:
broker, banchieri, analisti del mercato.
2. Aviazione:
piloti e assistenti di volo, complici i viaggi, la lontananza…
3. Personale sanitario:
medici, infermieri e assistenti medici (il fascino del camice)
4. Business:
manager e amministratori non sembrano essere interessati solo agli affari
5. Sport:
personal trainer, atleti
6. Arte e spettacolo:
musicisti, modelli attori e fotografi
7. Chi lavora di notte:
dj, ballerini, camerieri
8. Comunicazione:
pr e giornalisti
9. Legge:
avvocati, segretarie, giudici e magistrati

Leggi anche:
Fare sesso con il capo, la fantasia erotica più diffusa
Sesso, bugie, adulterio: quando il matrimonio arriva in tribunale
Sesso col collega per il 43% delle impiegate inglesi
L’infedeltà costa, chi tradisce paga gli alimenti
9 segnali che il tuo collega è uno psicopatico

15,603 Visite totali, 7 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.