Attenzione: Bonus mamme domani 2017; importo, requisiti e domanda..Informate tutti

Bonus mamme domani 2017: con la circolare n. 39 del 27 febbraio 2017 l’Inps specifica importo, requisiti, Isee e come presentare domanda per richiedere l’agevolazione per le donne incinte. Ecco le novità.

Bonus mamme domani 2017:

con la circolare Inps n. 39 del 27 febbraio 2017 vengono chiariti i requisiti per presentare domanda e ricevere l’importo introdotto dalla Legge di Bilancio 2017 per le donne incinte. Importo e requisiti Isee per richiedere il bonus per le donne in gravidanzasono diventati ufficiali con l’approvazione in via definitiva dell’ex legge di Stabilità e non si tratta dell’unico incentivo economico pensato per le mamme e le famiglie.

Oltre all’importo messo a disposizione per le mamme che presenteranno domanda e che rispetteranno i requisiti specificati con la circolare Inps per richiedere il bonus mamme domani, nel 2017 sarà possibile richiedere ulteriori benefici pubblici per le nuove nascite. Tra questi, la conferma dei voucher baby sitter e asilo nido e del bonus bebè che per il prossimo anno è stato notevolmente rafforzato.

Ma qual è l’importo del bonus mamme domani 2017, chi può richiederlo e come si presenta domanda? Così come specificato dall’Inps si tratta di 800 € e a beneficiare dell’agevolazione tutte le donne incinte al 7° mese di gravidanza.

Per richiedere l’incentivo alle nuove nascite bisognerà presentare domanda e per quanto riguarda i requisiti Isee non sono previsti limiti economici, al contrario di quanto proposto con la presentazione di un emendamento che avrebbe ristretto la platea di beneficiari del bonus.

Con la pubblicazione della circolare n. 39 l’Inps specifica che verranno specificate a breve le modalità di presentazione delle richieste; trattandosi di un’agevolazione per le nascite è presumibile che la modalità di presentazione delle domande sia la stessa prevista per il bonus bebè e i voucher baby sitter e asilo nido.

Per offrire un quadro chiaro della situazione su chi può richiedere il bonus mamme domani 2017 vediamo per punti tutti i dettagli su importo, requisiti specificati dall’Inps e come presentare domanda.

Bonus mamme domani 2017: importo, requisiti Isee e domanda

Il bonus mamme domani è entrato in vigore a partire dai primi giorni del 2017. L’Inps, con la circolare n. 39 del 27 febbraio 2017, ha specificato che potranno presentare domanda tutte le donne in possesso dei requisiti richiesti al 1 gennaio 2017 anche se per poter compilare ed inviare la richiesta bisognerà attendere ulteriori indicazioni che verranno diffuse nei prossimi giorni.

Conosciuto anche come bonus mamme future o donne incinte, ci riferiamo all’importo di 800€ che verrà erogato in favore delle donne in gravidanza e senza limiti per quel che riguarda i requisiti di reddito. Per richiederlo e presentare domanda non sarà quindi necessario presentare il modello Isee 2017 e, nell’attesa di ulteriori indicazioni Inps e dell’apertura delle domande, è bene conoscere tutti i dettagli, requisiti e regole.

Con la Legge di Bilancio 2017 sono stati stanziati in totale 600 milioni di euro per le agevolazioni alle nascite; serviranno, oltre che a copertura economica del nuovo bonus per le donne in gravidanza, anche per le altre misure a sostegno della famiglia. Infatti, come abbiamo precedente specificato, nella manovra finanziaria del Governo Renzi un capitolo rilevante di spesa riguarda proprio le agevolazioni per le famiglie.

Ora vediamo quali sono le informazioni utili relativa al nuovo bonus mamme domani 2017, ovvero tutti i dettagli sull’importo dell’agevolazione, i requisiti e le modalità di presentazione della domanda.

Bonus mamme domani 2017: chi può presentare domanda

La circolare Inps specifica che potranno presentare domanda e ricevere il bonus mamme domani tutte le gestanti o le neomamme in possesso dei requisiti necessari a richiedere il bonus bebè 2017, ovvero:

  • residenza in Italia;
  • cittadinanza italiana o comunitaria; le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle cittadine italiane per effetto dell’art. 27 del Decreto Legislativo n. 251/2007;
  • per le cittadine non comunitarie, possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’articolo 9 del Decreto Legislativo n. 286/1998 oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE previste dagli artt. 10 e 17 del Decreto Legislativo n. 30/2007, come da indicazioni ministeriali relative all’estensione della disciplina prevista in materia di assegno di natalità alla misura in argomento (cfr. circolare INPS 214 del 2016).

Il beneficio di 800 euro può essere concesso esclusivamente per uno dei seguenti eventi verificatisi dal 1° gennaio 2017:

  • compimento del 7° mese di gravidanza;
  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza;
  • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della legge 184/1983.

Come specificato dall’Inps, il beneficio è concesso in un’unica soluzione, per evento (gravidanza o parto, adozione o affidamento), a prescindere dai figli nati o adottati/affidati contestualmente. A quanto pare quindi sarà concesso un assegno di 800 euro anche in caso di parti gemellari, e non si avrà quindi diritto all’importo raddoppiato come invece molti ipotizzavano.

Bonus mamme domani 2017: requisiti e Isee

Per richiedere il bonus mamme domani 2017 bisognerà rispettare, così come abbiamo specificato sopra, determinati requisiti che però non riguardano i limiti di reddito, al contrario di quanto invece ipotizzato precedentemente all’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2017.

Infatti, con un emendamento alla Camera si era pensato di limitare l’accesso al bonus mamme domani 2017 esclusivamente alle donne con reddito da modello Isee inferiore ai 25 mila euro. L’emendamento non è stato approvato e pertanto a beneficiare dell’agevolazione saranno tutte le donne in dolce attesa.

Specifici requisiti invece per quel che riguarda le mamme: si potrà presentare domanda soltanto a partire dal 7° mese di gravidanza. La motivazione è che in questo stadio la gravidanza è a minor rischio di interruzione involontaria e che proprio a partire da questo mese le visite mediche necessarie e i costi da sostenere per il nascituro diventano maggiori.

L’importo dell’agevolazione è stato infatti pensato come beneficio a sostegno di quanto necessario nei mesi precedenti alla nascita del figlio. A quanto ammonta l’importo del bonus mamme domani 2017?

Bonus mamme domani 2017: importo

Le donne incinte, beneficiarie dell’agevolazione, riceveranno a titolo di bonus mamme domani un importo di 800 euro che sarà erogato dall’Inps a tutte coloro che inseriranno la propria domanda secondo le modalità stabilite.

L’Inps erogherà il bonus a tutte le donne incinte al 7° mese e in un’unica soluzione; l’importo non sarà rateizzato, a differenza di quanto previsto invece per il bonus bebè e pertanto tutte le beneficiarie potranno usufruire dell’agevolazione pensata come contributo da spendere per visite mediche e spese per la donna in gravidanza e nascituro.

Bonus mamme domani 2017: domanda

Le modalità di presentazione della domanda per richiedere il bonus mamme domani 2017 dovranno essere rese note dall’Inps che con la pubblicazione della circolare n. 39 ha specificato che le modalità operative saranno rese note nel più breve tempo possibile.

Per il momento sono state diffuse informazioni circa la documentazione necessaria per richiedere il bonus mamme domani 2017, ovvero:

  • certificazione sanitaria rilasciata dal medico specialista del Servizio sanitario nazionale, attestante la data presunta del parto;
  • se la domanda del premio è presentata in relazione al parto, la madre dovrà autocertificare nella domanda la data del parto e le generalità del bambino;
  • in caso di adozione/o affidamento preadottivo se la richiedente non allega alla domanda il provvedimento giudiziario (sentenza definitiva di adozione o provvedimento di affidamento preadottivo ex art. 22, comma 6, della legge 184/1983), abbreviando così i tempi di definizione della domanda – è necessario che nella domanda siano riportati gli elementi (sezione del tribunale, la data di deposito in cancelleria ed il relativo numero) che consentano all’Inps il reperimento del provvedimento stesso presso l’Amministrazione che lo detiene;
  • se la domanda è presentata dalla cittadina non comunitaria – se la richiedente non allega alla domanda copia di uno dei titoli di soggiorno utili per accedere al premio di cui trattasi è necessario indicare nella domanda gli elementi identificativi che consentano la verifica del titolo di soggiorno (tipologia del titolo, numero titolo, Questura che lo ha rilasciato).

Quello che ipotizziamo è che le modalità di presentazione della domanda saranno le stesse previste per richiedere le altre agevolazioni per le famiglie e, in attesa delle regole ufficiali, vediamo come fare.

La domanda dovrà essere presentata all’Inps in modalità telematica e si potrà procedere autonomamente oppure attraverso l’ausilio di un intermediario abilitato, un patronato o CAF.

Se in possesso di Pin dispositivo Inps le future mamme potranno presentare domanda in assoluta autonomia, inserendo dati e informazioni che saranno specificate al momento opportuno dall’Inps. In caso di mancato possesso del Pin Inps si potrà presentare la propria richiesta di bonus bebè 2017 telefonando al numero verde dell’Inps oppure rivolgendosi a soggetti abilitati alla presentazione delle domande.

Al momento dell’avvio alla presentazione delle domande vi aggiorneremo su tutti i dettagli e su come fare per presentare domanda e beneficiare dell’importo di 800 euro previsto per le future mamme e conosciuto come bonus mamme domani 2017.

fonte: http://www.informazionefiscale.it/

 

15,949 Visite totali, 6 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.