Angela Merkel: “Gli Italiani sono un popolo di pecore”.E’ caos in Italia.

Gli Italiani sono un popolo di pecore. Scoppia il caos

E’ caos, dalle più alte cariche dello Stato ai social, scoppia la polemica, da una frase che sarebbe stata pronunciata dalla stessa Merkel durante un convegno  di partito.

Durante questa conferenza, riportano alcuni quotidiani nazionali, tra cui  il famoso Frankfurter Allgemeine Zeitang (FAZ), la stessa Angela parlando di Europa, avrebbe definito il popolo Italiano , “PECORE che si fanno portare al pascolo dai propri politici, consentendogli di rubare e farsi le leggi a proprio uso e consumo, mentre nella stessa Germania il popolo invece starebbe bene attento all’operato della propria classe dirigente, non consentendogli proprio come accade in Italia,  che gli stessi rappresentanti facciano del bene comune soltanto una scusa per portare profitti a loro stessi ed alla stretta cerchia di potenti che li circondano.

Quindi secondo la stessa Merkel l’Italia sarebbe un peso a causa di questo e della corruzione per tutta la comunità Europea.

Numerose le proteste da parte del mondo politico, e non solo, lo stesso Sgarbi intervistato a tal proposito ha dichiarato che se la Merkel ha tutte queste certezze perchè non propone in commissione l’uscita dell’Italia dalla stessa Comunità Europea.

Affermando che la stessa segretaria dovrebbe un attimino rispolverare qualche libro di storia, in quanto sembra aver dimenticato che la stessa Germania ebbe il più grande e sanguinario Dittatore della storia fin dai tempi della pietra, esso stesso rappresentato come l’incarnazione di Satana in terra. Ed un tale massacro di uomini non si può compiere senza la tolleranza o perfino la collusione del suo stesso popolo.

da: www.Frankfurter Allgemeine Zeitang.org

20,687 Visite totali, 4 visite odierne

Commenta

commenti

Per seguirci clicca il "Mi Piace"

Se ti appare questa spunta (✔) significa che lo hai già cliccato in passato e ci stai seguendo. Clicca "X" in alto a destra per chiudere e continuare la lettura.